La sorpresa in spiaggia: una Caretta caretta fa il nido tra i bagnanti

Redazione

Regione - Trappeto

La sorpresa in spiaggia: una Caretta caretta fa il nido tra i bagnanti
Il Wwf ha messo in sicurezza il nido recintandolo con apposita protezione da possibili aggressioni esterne alle uova

La sorpresa in spiaggia: una Caretta caretta fa il nido tra i bagnanti

28 Giugno 2020 - 12:49

Un’altra bella sorpresa a Trappeto. Qui è stato scoperto un altro nido di Caretta caretta, grazie alle tracce inconfondibili, da una ragazza frequentatrice di una spiaggia nei pressi della bella e storica località balneare della costa occidentale del palermitano. Viviana Satta, che vive in zona, ha riconosciuto le inconfondibili tracce lasciate sulla sabbia, nella notte tra il 25 e il 26 giugno scorso, da una grande tartaruga marina, dedotto dalla traccia lasciata sull’arenile dall’animale, del genere Caretta caretta, la tartaruga comune del Mediterraneo in forte pericolo di estinzione.

Viviana ha quindi contattato per la verifica un amico naturalista, Giuseppe D’Asaro sempre di Trappeto, che si è messo in contatto con il network tartarughe marine del Wwf Sicilia Nord Occidentale. Francesco Paolo Palazzo, consigliere del Wwf locale e referente del progetto “Life Euroturtles”, autorizzato dal Ministero dell’Ambiente, ha quindi effettuato un sopralluogo e il riscontro è stato positivo: secondo nido accertato nel golfo di Castellammare, ad una settimana esatta dal primo di Alcamo marina. Allertata Guardia Costiera e Comune di Trappeto come da prassi, insieme ai volontari e attivisti dell’associazione, si è provveduto a mettere in sicurezza il nido recintandolo con apposita protezione da possibili aggressioni esterne alle uova.

Altre notizie su monrealepress

Un commento a “La sorpresa in spiaggia: una Caretta caretta fa il nido tra i bagnanti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it