Sfida su TikTok: a 10 anni in coma irreversibile dopo “blackout challenge”

Redazione

Palermo - Dopo la prova estrema sul social

Sfida su TikTok: a 10 anni in coma irreversibile dopo “blackout challenge”
Per i medici: "Coma profondo da encefalopatia post-anossica prolungata" e "condizioni critiche"

Sfida su TikTok: a 10 anni in coma irreversibile dopo “blackout challenge”

21 Gennaio 2021 - 14:26

“Coma profondo da encefalopatia post-anossica prolungata” e “condizioni critiche”. Sono gravi le condizioni della bambina di 10 anni giunta ieri sera in arresto cardiorespiratorio all’ospedale “Di Cristina” di Palermo, che dalle prime ricostruzioni sembra abbia perso i sensi per asfissia, dopo essersi avvolta una cintura attorno al collo, per partecipare ad una sfida di soffocamento estremo sul social TikTok.

Ad accompagnarla in ospedale sono stati i genitori disperati che l’hanno trovata esanime per terra dopo l’assurda prova di resistenza nota come “blackout challenge”. I medici del pronto soccorso sono riusciti a riavviare il battito dopo diversi tentativi ed eseguito diversi esami diagnostici per verificare i danni agli organi in seguito all’asfissia. La piccola, come spiega l’ospedale è arrivata al pronto soccorso, accompagnata dai genitori, “alle 21.04 di ieri, in arresto cardiorespiratorio di non precisabile durata temporale in quanto l’inizio è ricostruibile, con anamnesi indiretta, solo approssimativamente attraverso il racconto dei genitori”. Subito in codice rosso, “ha usufruito delle manovre di rianimazione cardiopolmonare e il cuore ha ripreso il battito. Ha quindi subito eseguito una Tac encefalo che ha evidenziato una situazione di coma profondo da encefalopatia post anossica prolungata”. Alle 23, in condizioni critiche è stata ricoverata in terapia intensiva.

Altre notizie su monrealepress

Un commento a “Sfida su TikTok: a 10 anni in coma irreversibile dopo “blackout challenge””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it