Forestali sul piede “di guerra”: “Noi trattati in maniera non legittima”

Redazione

Regione - La nota

Forestali sul piede “di guerra”: “Noi trattati in maniera non legittima”
Una nota del sindacato Fp Cgil che chiede maggiore rispetto verso il corpo della forestale impegnato anche nell'emergenza sanitaria

Forestali sul piede “di guerra”: “Noi trattati in maniera non legittima”

20 Maggio 2020 - 12:35

Eccessivi carichi di lavoro per i forestali in questa emergenza sanitaria causata dal coronavirus. E scatta la protesta dei forestali. A denunciare l’accaduto è la Fp Cgil che ha evidenziato l’eccessivo carico di lavoro assegnato al personale degli uffici Operativi del Corpo Forestale della regione siciliana che, già impegnato nella drammatica emergenza legata al contenimento della Pandemia Covid-19, diventerà insostenibile con l’approssimarsi della Campagna Antincendio 2020. Sono davvero poche le unità di personale rimasto in servizio, circa 300, con età media di 59 anni, con molti Distaccamenti Forestali che, da un organico previsto di 20 unità, si trovano ridotti ad operare con solo una o due unità di personale.

“Le donne e gli uomini in divisa della regione siciliana svolgono i suddetti servizi con grande spirito di abnegazione e alto senso del dovere, nonostante il nuovo contratto dei dipendenti regionali si sia rivelato oltremodo mortificante per il Corpo Forestale – si legge nella nota del sindacato – Non si sono mai tirati indietro, dimostrando di essere sempre vicini ai cittadini in difficoltà, come nei servizi di disinfezioni nelle città siciliane ivi comprese quelle in zona rossa, o come assistenza ai volontari della Caritas e del Banco alimentare nella fornitura delle derrate alimentari. Oltre ad essere presenti nelle zone rurali e nei boschi effettuando i servizi di controllo sul distanziamento sociale disposti dalle Prefetture e tanti altri compiti a cui sono chiamati, anche fuori dal normale orario di lavoro. Con l’arrivo della stagione estiva, occorre rafforzare le poche unità operative sul territorio con il personale con qualifiche di polizia giudiziaria e pubblica sicurezza in servizio presso le sedi centrali che, a causa una programmazione efficace delle loro attività, è stato posto in “lavoro agile” con una evidente mortificazione del proprio ruolo, che certamente sarebbe maggiormente gratificato se utilizzato per il potenziamento delle suddette attività”.

Ecco perché la Fp Cgil chiede che il personale che non appartiene ai “servizi essenziali”, “venga immediatamente messo in campo a supporto dei colleghi presenti nel territorio, rinforzando le sedi operative territoriali. È necessario, da subito, individuare le risorse utili a supportare il lavoro straordinario e tutti gli altri istituti previsti dal contratto (turnazione – festività -reperibilità) per il personale operativo e, vista l’eccezionalità degli eventi, applicando pienamente la nuova performance, sarebbe auspicabile la distribuzione del salario accessorio legato ai carichi di lavoro e non a pioggia. Occorre già da adesso impegnarsi per rendere applicabili al Corpo Forestale gli istituti contrattuali previsti per analoghi lavoratori del comparto sicurezza (Polizia di Stato, Carabinieri, Finanza e polizia penitenziaria). Bisogna amaramente constatare come il personale del Corpo Forestale della Regione siciliana è forza di polizia quando deve sacrificarsi in servizi particolari, ma diventa altro quando si tratta di riconoscergli diritti legittimi. È, infatti, inaccettabile che a parità di compiti con gli altri corpi di Polizia, il personale del Corpo Forestale debba avere un trattamento giuridico e pensionistico diverso”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it