Agli arresti domiciliari viene sorpreso a spacciare crack e cocaina

Redazione

Palermo - Palermo

Agli arresti domiciliari viene sorpreso a spacciare crack e cocaina
Protagonista è un 25enne del quartiere Brancaccio di Palermo, arrestato dalla polizia in flagranza

Agli arresti domiciliari viene sorpreso a spacciare crack e cocaina

08 Ottobre 2019 - 14:44

É agli arresti domiciliari ma viene sorpreso a spacciare crack e cocaina. Protagonista è un 25enne del quartiere Brancaccio di Palermo, arrestato dalla polizia in flagranza per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

La notte tra sabato e domenica, gli agenti del Commissariato Brancaccio, nel corso degli ordinari servizi di controllo del territorio, hanno raggiunto il domicilio di Cucina per verificare il rispetto da parte sua delle prescrizioni imposte dalla misura cui era sottoposto. Ad insospettire immediatamente i poliziotti, tanto il lasso di tempo trascorso dal loro arrivo all’apertura della porta d’ingresso da parte del giovane, quanto gli strani rumori provenienti dall’appartamento, sintomo di spostamenti effettuati in gran fretta. In effetti, quando gli agenti sono entrati in casa, Cucina non aveva evidentemente fatto in tempo a “bonificare” l’ambiente domestico: su un tavolo aveva infatti dimenticato un “pezzo” di hashish ed un bilancino di precisione ancora intriso della stessa sostanza.

Questo ha spinto gli agenti ad effettuare una perquisizione, da cui è emerso come l’uomo avesse evidentemente avviato un’attività di spaccio presso il suo domicilio. Sono stati, infatti, rinvenuti: 6 dosi di crack, 10 grammi di cocaina, bustine di cellophane per confezionare le dosi di stupefacente, un fornello da campeggio, un telefono cellulare, nonchè una somma di denaro superiore ai 500 euro in banconote di diverso taglio e una banconota falsa. Il tutto è stato posto pertanto posto sotto sequestro e Cucina tratto in arresto.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it