Lo chef Salvatore Cascino appende il mestolo al chiodo: La Botte ora al figlio

Redazione

Cronaca - Monreale

Lo chef Salvatore Cascino appende il mestolo al chiodo: La Botte ora al figlio
Era il 1962 quando lo chef entrò per la prima volta nello storico ristorante che si trova fra Monreale e Pioppo

Lo chef Salvatore Cascino appende il mestolo al chiodo: La Botte ora al figlio

07 Ottobre 2019 - 18:39

Era il 1962 quando lo chef Salvatore Cascino entrò per la prima volta nello storico ristorante La Botte che si trova fra Monreale e Pioppo. Prima di diventare un ristorante vero e proprio, La Botte era una rivendita di vini sfusi, dopo aver conosciuto nel passato una non fortunata gestione come trattoria. Lo chef, come racconta a Repubblica in un articolo pubblicato oggi, accettò la sfida. “Io e mio fratello accettammo la sfida di lanciare un ristorante fuori porta, certi del richiamo del nome dei Cascino, già conosciuto in Italia e all’estero e fu subito un grande successo. Il ristorante, non ostentava lusso. Il nome “La Botte” deriva dalle origini del locale che conteneva grandi e piccole botti da cui spillare il vino”. E il successo arrivò.

La Botte divenne ristorante in cui cenarono vip come il calciatore Gianni Rivera o attori come Walter Chiari, Alberto Lupo, Wanda Osiris e Amedeo Nazzari. Ma anche personalità dello Stato come il generale Dalla Chiesa e il magistrato Paolo Borsellino. E Cascino non mancava di servire loro, le sue specialità, come gli gnocchi alla bava, gli spaghetti alla capricciosa “Di Liberto”, le tagliatelle al limone, le linguine don Carmelo, gli involtini alla siciliana, lo stracotto di maiale in salsa tartufata e ovviamente il famoso semifreddo o parfait con mandorle caramellate e cioccolata calda nato nel ‘62 chiamato “Alì Pascià”. Ma Salvatore Cascino, nel suo curriculum vanta anche di aver preparato pranzi e cene per la Regina Elisabetta e per Papa Giovanni Paolo II. “La Regina Elisabetta venne servita da mio fratello Francesco Paolo direttamente a Londra e per lei cucinò, tra l’altro, la pasta con le sarde, apprezzatissima da tutti i commensali – racconta a Repubblica – La Regina tuttavia aveva espresso anche il desiderio di gustare i cannoli, così mio fratello ne realizzò le scorze, ma non riuscendo a trovare sul posto la ricotta, preparò del biancomangiare, che sua maestà gradì. Il generale Dalla Chiesa mi chiamava “Totuccio” e pretendeva che gli dessi del tu. Continuai invece sempre a chiamarlo “Eccellenza”. La moglie di Kofi Annan, allora segretario generale dell’Onu, pranzando con il marito a “La Botte” si lamentò con il cameriere per la presenza dei semini nei fichidindia. E infine Frank Sinatra, che mio fratello aveva conosciuto e servito a Cleveland”.

E poi il pranzo per Karol Wojtyla: “Fu servito il piatto “Noccioline di vitello di Porta Pia” – racconta sempre lo chef – È il luogo in cui La Marmora sferrò l’attacco che pose fine al potere temporale della Chiesa. Le noccioline erano tirate in padella, bagnate al brandy, predisposte poi con julienne di prosciutto, funghi trifolati e mozzarella, gratinate al forno e con un cordoncino di demi glace”. Ora Salvatore Cascino lascia il suo regno al figlio Maurizio. “Mimmo e Giuseppe Cascino sono saltuariamente coinvolti in prestigiose attività del settore – dice lo chef – Mentre mio figlio Maurizio insegna all’Istituto alberghiero “Paolo Borsellino” Ristorazione e Cucina, collabora nella gestione del “Ristorante La Botte” e realizza cene di gala in Italia e all’estero. I due Roberto, figli di Mimmo e Giuseppe, insegnano Ristorazione e Cucina all’Istituto alberghiero intestato a mio fratello Francesco Paolo Cascino e saranno probabilmente loro a far proseguire la tradizione. Il ramo dei Lo Verso, purtroppo, non opera più nella ristorazione”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it