Non ci sono le strisce gialle, ma si “becca” lo stesso una multa

Simone Marchese

Cronaca

Non ci sono le strisce gialle, ma si “becca” lo stesso una multa
Non è il primo caso. Siamo in via Venero. Molti gli automobilisti multati per essersi parcheggiati dentro uno stallo per invalidi. Ma non era vero

Non ci sono le strisce gialle, ma si “becca” lo stesso una multa

08 Settembre 2016 - 12:25

Alzi la mano chi non si indigna quando vengono usurpati i parcheggi riservati agli invalidi. Sono maleducati, cafoni, irrispettosi nei confronti di chi deve convivere con la propria diversità. Allora sotto con la legalità, che le forze dell’ordine abbiano tolleranza zero su questi indisciplinati automobilisti che occupano in maniera abusiva i varchi delimitati dalle strisce gialle.

Lezione chiarissima, ma per non incorrere nell’ira di alcuni agenti “intolleranti” un ulteriore consiglio: evitate di parcheggiare anche nei posti che si trovano accanto a quelli riservati agli invalidi. E se non volete credere a ciò che segue, non dite che non vi avevamo avvisato. Non è il primo racconto del genere che riceviamo. Quello che resta al malcapitato, però, è stupore ed una multa da pagare.

Siamo in via Venero, un centinaio di metri prima dell’incrocio con la Circonvallazione. Proprio di fronte gli uffici dell’acquedotto ci sono alcuni stalli per gli invalidi. Uno di questi, però, ha causato multe senza che queste auto siano state effettivamente parcheggiate nello spazio riservato ai disabili. E lo raccontiamo perché abbiamo assistito di presenza a queste scene.

Ieri l’ultimo caso, davanti ai nostri occhi. Un automobilista parcheggia accanto al posto riservato ai disabili. Gli agenti prima mettono la multa rosa, poi ci ripensano e “staccano” la multa vera: era parcheggiato all’interno di uno stallo riservato agli invalidi. Ma non era vero. L’automobilista rintraccia gli agenti, protesta. Ma nulla. Sono inflessibili. “Ha spostato la macchina, faccia ricorso”, dicono.

Certo, è un diritto di tutti contestare la multa, ma prendendo in considerazione che l’ufficio del giudice di pace si trova a Palermo, traete voi le conclusioni. L’errore degli agenti, fatto in buona fede per carità, è la segnaletica verticale. Il palo, infatti, si trova spostato rispetto allo stallo per invalidi e questo induce in errore gli agenti, anche se sarebbe bastato guardare le strisce gialle sull’asfalto per individuare con esattezza lo stallo per gli invalidi.

Dalla Polizia Municipale non hanno voluto commentare l’episodio. Noi speriamo che prima di fare multe in via Venero controllino con attenzione le strisce gialle per terra. E a voi, cari automobilisti monrealesi, consigliamo, visto quello che sta succedendo, di non parcheggiare nemmeno accanto alle strisce gialle. Almeno per un po’. Potreste trovarvi con una multa da pagare.

Altre notizie su monrealepress

Un commento a “Non ci sono le strisce gialle, ma si “becca” lo stesso una multa”

  1. Riccardo ha detto:

    Io consiglieri di parcheggiare e rimanere poco distanti attendendo i vigili e fotografarli mentre multano. Quasi qualora dicessere che la macchina é stata spostata dopo la multa si beccherebbero una bella querela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it