Inchino davanti casa Riina, l’arcivescovo Pennisi: “Mai più processioni in via Scorsone”

Redazione

Cronaca

Inchino davanti casa Riina, l’arcivescovo Pennisi: “Mai più processioni in via Scorsone”
La decisione dopo l'inchiesta avviata pochi giorni fa dalla diocesi. D'ora in poi anche a Corleone le fermate concordate con le forze dell’ordine

Inchino davanti casa Riina, l’arcivescovo Pennisi: “Mai più processioni in via Scorsone”

12 Giugno 2016 - 11:52

Monsignor Michele Pennisi ha deciso, mai più processioni da via Scorsone, dove abitano i Riina e i Bagarella. “Quella fermata della processione davanti a casa Riina è stata inopportuna”, dice l’arcivescovo Michele Pennisi.

L’inchiesta della diocesi di Monreale, avviata dopo il rapporto di polizia e carabinieri alla magistratura, è stata velocissima (ne abbiamo parlato qui). “Nessuna processione passerà mai più da via Scorsone. È la nostra presa di distanza — spiega l’arcivescovo di Monreale — E d’ora in poi anche a Corleone, così come si fa a Monreale, le fermate delle processioni dovranno essere concordate con le forze dell’ordine”.

Il comitato direttivo della confraternita di San Giovanni Evangelista nei giorni scorsi si è dimesso, per difendersi al meglio e per preservare la confraternita. “Nelle audizioni, i confrati sostengono che quella fermata in via Scorsone è stata casuale, perché la strada era stretta e la folla era tanta — aggiunge Pennisi — ma su questa vicenda non ci possono essere equivoci, di fronte al fenomeno mafioso le parole e i gesti della Chiesa devono essere chiari, anzi di più: chiarissimi. Nei prossimi giorni nominerò un commissario per la confraternita. Abbiamo comunque fatto un’istruttoria approfondita. E una certezza si è raggiunta: quella fermata davanti a casa Riina c’è stata, ed era meglio non farla” ha concluso monsignor Pennisi.

Altre notizie su monrealepress

Un commento a “Inchino davanti casa Riina, l’arcivescovo Pennisi: “Mai più processioni in via Scorsone””

  1. Giovanni Schimmenti ha detto:

    Sono contento e soddisfatto per la decisione dell’Arcivescovo Michele Pennisi di vietare il passaggio delle processioni davanti le abitazioni di TOTÒ riina e bagarella..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it