“I Media della Cei”, torna il festival della comunicazione della Diocesi di Monreale

Redazione

Eventi - Dal 10 al 13 settembre 2020

“I Media della Cei”, torna il festival della comunicazione della Diocesi di Monreale
Al Palazzo D’Aumale la Cultura, la Società, la Giustizia per una Comunicazione responsabile

“I Media della Cei”, torna il festival della comunicazione della Diocesi di Monreale

01 Settembre 2020 - 10:00

“Non sprecate parole… dite: Padre Nostro. Gli impegni. Le richieste”. È questo il titolo della quinta edizione del festival della comunicazione dell’Arcidiocesi di Monreale che si terrà a Terrasini dal 10 al 13 settembre prossimo, che vedrà la presenza del Maestro Andrea Morricone e Federico Cafiero De Raho, Procuratore Nazionale Antimafia.

“I Media della Cei” è un evento nazionale, organizzato, in simbiosi, anche quest’anno dall’Ufficio per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Monreale, diretto da Don Antonio Chimenti e dalla Associazione culturale “Così, per.. passione” di Terrasini presieduta da Ino Cardinale, in sinergia con le direzioni e le redazioni di Avvenire, TV2000, InBlu Radio e AgenSIR – Servizio Informazione Religiosa e come sempre patrocinato dal Comune di Terrasini e dall’Assessorato Regionale Beni Culturali e delle Identità Siciliana.

Quest’anno l’evento sarà anche l’occasione per festeggiare i 20 anni del periodico dell’Arcidiocesi di Monreale: Giornotto che facendo parte della Federazione Italiana Settimanali Cattolici, vedrà la presenza di Mauro Ungaro, Presidente Nazionale della Federazione Italiana Stampa Cattolica, insieme al direttore diocesano Francesco Inguanti.

Come ama dire monsignor Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale, “questo evento annuale è il segno eloquente di come in Sicilia, e segnatamente in un centro del palermitano ricadente sul territorio della nostra Diocesi, si voglia dare un efficace contributo per una interazione sempre maggiore fra le quattro testate dei media della Conferenza Episcopale Italiana, le quali sono a servizio della vita ecclesiale delle Chiese e dei loro territori”.

Le quattro giornate si articoleranno su quattro ambiti: Cultura, Società, Giustizia e Comunicazione nella preziosa cornice del Polo Museale Riso-D’Aumale e del Museo D’Aumale di Terrasini che ospita l’evento. Per il mondo della Cultura saranno presenti i rettori delle università: Francesco Bonini della Università Lumsa di Roma; Fabrizio Micari dell’Università di Palermo; Gianni Puglisi della Università Kore di Enna. Ma anche gli scrittori siciliani come Marcello Benfante, giornalista; Nino Di Vita, poeta; Salvatore Ferlita, critico e saggista; Lidia Titolla, giornalista e scrittice; Giovanni Ruffino, linguista e accademico della Crusca.

Per il mondo della società il contributo verrà da esponenti del terzo settore come Carlo Borgomeo, presidente Fondazione “Con Il Sud” e Sebastiano Cappuccio, segretario generale Cisl Sicilia; e da Gaetano Burgio, dirigente Ismett di Palermo; Vincenzo Ceruso (saggista) della “Comunità di Sant’Egidio” di Palermo; Pino Toro, presidente dell’Ail di Palermo; Giuseppe Rotolo (psicoterapeuta), direttore del Dipartimento per l’Autismo della Arcidiocesi di Monreale.

Per il mondo della Giustizia oltre Raffaele Bonanni, Associazione Laudato Sii, e Raffaele Bonsignore, presidente Fondazione Sicilia, saranno presenti: Federico Cafiero De Raho, Procuratore Nazionale Antimafia; Cesare Mirabelli, Consigliere Generale dello Stato della Città del Vaticano; Giuseppe Pignatone, presidente del Tribunale dello Stato della Città del Vaticano; Generale di Brigata Arturo Guarino, Comandante Provinciale dei Carabinieri e Toni Mira, caporedattore di Avvenire.

A confrontarsi sul ruolo della Comunicazione saranno proprio i protagonisti di questo Festival della Comunicazione: i direttori dei Media della Cei. Nel pomeriggio di Domenica 13 settembre Marco Tarquinio di Avvenire, Vincenzo Morgante di TV2000 e InBlu Radio e Amerigo Vecchiarelli AgenSIR, risponderanno alla lezione di Gesù che dice “Non sprecate parole quando pregate dite: Padre…. Venga il tuo Regno”.

Autenticità ed essenzialità sono i fondamenti di una Comunicazione responsabile e consapevole che le “parole” trasformano la Storia, e saperle “usare” vuol dire servire e avere cura dell’umanità tutta. In questo tempo così stracolmo di comunicazione e sovraccarico di informazioni i Media Cattolici hanno una opportunità che non può essere “sprecata”: conoscono lo Spirito del Padre che abita nel cuore dell’uomo.

Nel susseguirsi delle giornate ogni giorno saranno celebrate le Sante Messe in diretta TV200 dalla Chiesa Madre di Terrasini con monsignor Michele Pennisi, arcivescovo Monreale e vice presidente della Conferenza Episcopale Siciliana; monsignor Calogero Peri, vescovo di Caltagirone e Delegato per la Cultura e le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Siciliana; monsignor Santo Marcianò, arcivescovo Ordinario militare per l’Italia; mons Giuseppe Marciante, vescovo di Cefalù; monsignor Cesare Di Pietro, vescovo ausiliare di Messina.

E ogni sera a chiudere la giornata di lavori ci saranno il concerto: della Massimo Kids Orchestra diretta dal Maestro Michele De Luca con la presenza di Francesco Giambrone, Sovrintendente Teatro Massimo; della Fanfara del XII Battaglione Carabinieri “Sicilia” diretta dal Maestro Maresciallo Capo Paolo Mario Sena con la presenza del Comandante Provinciale dei Carabinieri, Generale di Brigata Arturo Guarino; l’Orchestra giovanile e Coro polifonico liceo musicale “Vito Fazio Allmayer”, di Alcamo diretti dal Maestro Pietro Adragna, pluricampione mondiale di fisarmonica.

Il sabato sera sarà protagonista la figura del Padre Nostro con una rassegna di corti cinematografici in collaborazione con il festival “Corto Corto Mon Amour” diretto da Vincenzo Cusumano con la straordinaria partecipazione di Ivan Scinardo, Direttore della sede Sicilia del centro sperimentale di cinematografia – scuola nazionale di cinema.

Una novità di questa edizione saranno le “Albe a Torre Alba” di Terrasini con il Concerto per Pianoforte del Maestro Marcelo Cesena “…come in cielo così in terra” e le letture degli scrittori siciliani con Pamela Villoresi, attrice – direttrice Teatro Biondo Stabile di Palermo, il tenore Rosario Claudio Cardile e il musicista Giacomo Scinardo polistrumentista. A condurre i dibatti e le interviste saranno Alessandro Zaccuri saggista e giornalista di Avvenire e Alessandra Turrisi, saggista e giornalista di Avvenire e Giornale di Sicilia; mentre a presentare gli spettacoli sarà Beatrice Fazi, attrice e conduttrice televisiva di Tv2000.

Alleati imprescindibili di questo evento oltre l’arcivescovo di Monreale, da sempre sostenitore della forza pastorale della comunicazione mediatica per il sostegno economico con i fondi dell’8XMille, sono il parroco della chiesa Madre di Terrasini don Renzo Cannella, l’assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana Alberto Samonà, insieme al direttore Luigi Biondo del Polo Museale Riso-D’Aumale e del Museo D’Aumale (struttura che ospita l’evento) e il Sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci, che generosamente ha voluto che la Civica Amministrazione da lui presieduta patrocinasse la Manifestazione.

“Il compito specifico dei media cattolici – spiegano dalla Diocesi – ci ricorda che quella di Gesù sul Padre Nostro è una lezione difficile quando intima ai suoi discepoli: Non sprecate parole, e a maggior ragione lo è per gli operatori della Comunicazione che della parola ne conoscono il “potere”. Nella preghiera del Signore dunque c’è un vero atto di responsabilità che non può essere marginale nella comunicazione: Impegni e richieste”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it