In Sicilia la seconda Tari più alta d’Italia: e nel 2020 si prevede una stangata

Giorgio Vaiana

Regione - I numeri

In Sicilia la seconda Tari più alta d’Italia: e nel 2020 si prevede una stangata
E' la Campania la regione italiana dove si paga più Tari (421 euro in media l'anno). La Sicilia è subito dietro con una media annua di 394 euro

In Sicilia la seconda Tari più alta d’Italia: e nel 2020 si prevede una stangata

21 Novembre 2019 - 17:11

E’ la Campania la regione italiana dove si paga più Tari (421 euro in media l’anno). La Sicilia è subito dietro con una media annua di 394 euro. Sono alcuni dei dati che emergono dall’Osservatorio prezzi e tariffe della onlus Cittadinanzattiva. La Sicilia però, vanta alcuni numeri interessanti: ha 5 dei capoluoghi di Provincia ritenuti più cari in Italia a livello della tassa sui rifiuti. Catania è la città italiana dove si versa più Tari (in media 504 euro l’anno). In classifica ci sono anche Trapani (475 €), Siracusa (442 €), Agrigento (425 €) e Messina (419 €). La regione in cui si paga di meno è il Trentino Alto Adige, con 190 euro, mentre Potenza è il capoluogo di provincia più economico (121 e un decremento del 13,7% rispetto al 2018).

A livello nazionale in media si versano circa 300 euro l’anno, un euro in più rispetto al 2018. Ma in quasi la metà (51) delle 112 province italiane sono stati riscontrati aumenti, contro le 34 in cui la tariffa è diminuita. Sono davvero poche le regioni che rispetto al 2018 hanno fatto registrare un calo della tassa: sono il Lazio (-2%), l’Emilia Romagna (-0,8%), le Marche (-1,4%), la Sicilia (-1,3%), la Valle d’Aosta (-2,3%) e la Campania (-0,2%). L’indagine ha tenuto conto anche della percezione che hanno i cittadini: due su tre (il 68,2%) ritengono di pagare troppo. E tra le prime quattro regioni, tre sono del sud: Sicilia (83,4%), Umbria (80,2), Puglia (79,2) e Campania (78,4). Solo il 28,2% degli italiani pensa che la tariffa sia adeguata al servizio, con punte del 66% nella provincia autonoma di Bolzano, 48% in quella di Trento e 43% della Lombardia.

Cosa può cambiare nel 2020
La nuova Tari è prossima ad una rivoluzione. Sarà l’autorità nazionale di regolazione dei rifiuti urbani (Arera) a definire il nuovo sistema di calcolo delle tariffe per i rifiuti urbani. Non saranno più considerati nella tassa costi che si riferiscono a servizi che non appartengono alla gestione dei rifiuti come disinfestazione o gestione del verde urbano. Inoltre l’autorità introduce una rigida classificazione di costi ammissibili per i servizi oggetto di tariffa e ne esclude altri. Questi ed altri fattori potrebbero portare sia a una riduzione che a un aumento delle tariffe rispetto all’ultimo anno, e per evitare stangate, Arera ha introdotto un sistema che impone un tetto agli incrementi tariffari. I comuni però sono sul piede di guerra perchè ritengono che il nuovo sistema di calcolo porti a una stangata. Anche l’Anutel (associazione nazionale uffici tributi enti locali) ha chiesto di prorogare al 2021 l’entrata in vigore del nuovo sistema, anche perchè i tempi sono stretti: i piani finanziari a cui stanno lavorando i comuni devono essere tutti approvati da arera entro il 31 dicembre 2019.

Quanto si paga nelle regioni italiane (tra parentesi la variazione rispetto allo scorso anno)

  • ABRUZZO, 326 € (+1,8%)
  • BASILICATA, 221 € (+7,9%)
  • CALABRIA, 296 € (=)
  • CAMPANIA, 421 € (-0,3%)
  • EMILIA ROMAGNA, 274 € (-0,8%)
  • FRIULI VENEZIA GIULIA, 228 € (+3%)
  • LAZIO, 325 € (-2%)
  • LIGURIA, 333 € (+3,2%)
  • LOMBARDIA, 241 € (+0,8%)
  • MARCHE, 235 € (-1,4%)
  • MOLISE, 219 € (+0,1%)
  • PIEMONTE, 276 € (+1,4%
  • PUGLIA, 373 € (=)
  • SARDEGNA, 345 € (=)
  • SICILIA, 394 € (-1,3%)
  • TOSCANA, 323 € (+0,3%
  • TRENTINO ALTO ADIGE, 190 € (+3,9%)
  • UMBRIA, 301 € (=)

Quanto si paga in Sicilia (tra parentesi la variazione rispetto allo scorso anno)

  • Agrigento, 425 € (+1,1%)
  • Caltanissetta, 288 € (=)
  • Catania, 504 € (+15,9%)
  • Enna, 280 € (‐3,4%)
  • Messina, 419 € (+1,6%)
  • Palermo, 309 € (+0,5%)
  • Ragusa, 405 € (‐5%)
  • Siracusa, 442 € (=)
  • Trapani, 475 € (‐16,8%)

I dieci capoluoghi più cari

  • Catania, 504 €
  • Cagliari, 490 €
  • Trapani, 475 €
  • Benevento, 471 €
  • Salerno, 467 €
  • Napoli, 455 €
  • Reggio Calabria, 443 €
  • Siracusa, 442 €
  • Agrigento, 425 €
  • Messina, 419 €

I dieci capoluoghi più economici

  • Potenza, 121 €
  • Udine, 167 €
  • Belluno, 168 €
  • Pordenone, 181 €
  • Vibo Valentia, 184 €
  • Isernia, 185 €
  • Bolzano, 186 €
  • Brescia, 191 €
  • Verona, 193 €
  • Torino-Cremona, 195 €

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it