Alturestival, chiude l’edizione 2019: al Castellaccio il progetto “Effimere”

Redazione

Eventi - San Martino delle Scale

Alturestival, chiude l’edizione 2019: al Castellaccio il progetto “Effimere”
Tutto si snoda dalle note di viaggio di Paolo Tofani Krsna Prema, che si fondono con testi di Wislawa Szymborska e Virginia Wolf.

Alturestival, chiude l’edizione 2019: al Castellaccio il progetto “Effimere”

06 Settembre 2019 - 12:18

Giunge alla sua conclusione la terza edizione di Alturestival, festival dedicato alla natura, arti e culture tra i monti di Sicilia, organizzato dal Club Alpino Siciliano dall’associazione Formedonda e da Le Due Sicilie srl. Sarà il progetto musicale “Effimere” ideato da Paolo Tofani insieme ai musicisti Mario Crispi e Giovanni Floreani, in collaborazione con l’attrice Daniela Gattorno a concludere il festival, domenica 8 settembre alle 21.30, al Castellaccio di San Martino delle Scale, la frazione montana di Monreale. Il concerto sarà preceduto alle 18 da una passeggiata ecologica di risalita del sentiero nord ovest di Monte Caputo, con partenza e raduno presso la Forneria Messina di San Martino delle Scale.

Effimere è un progetto che si snoda partendo dalle note di viaggio di Paolo Tofani Krsna Prema, celebre chitarrista del gruppo musicale Area, che si fondono con testi di Wislawa Szymborska e Virginia Wolf. Voce narrante è l’attrice Daniela Gattorno, insieme allo stesso Paolo Tofani. Le ricerche sonore e i canti sono a cura di Giovanni Floreani, musicista degli Strepitz e i contributi musicali di Mario Crispi, fondatore degli Agricantus.

Il progetto è una riflessione poetico-musicale che condensa le esperienze professionali e i percorsi individuale degli artisti. “Il momento storico che stiamo vivendo annuncia radicali cambiamenti, il declino che ci sovrasta è talmente esplicito che qualunque essere umano di buon senso comprende la necessità di porre in essere una profonda riflessione sui grandi temi del Mistero Umano – spiegano gli artisti – Il magico strumento dell’Arte, del quale abbiamo il privilegio di poter utilizzare, ci permette di comunicare e stimolare flussi riflessivi. I suoni e la loro evoluzione, che appartengono alle nostre singolarità e alle nostre condivisioni, avvolgono , sottolineano, enfatizzano un tracciato composto da pensieri, memorie, annotazioni frutto delle nostre letture e delle nostre ricerche. Sono molte le suggestioni che possiamo cogliere dalla conoscenza che ci è stata regalata da grandi uomini che ci hanno preceduto dai cosiddetti Maestri ai quali dovremmo sempre fare riferimento. Le infinite energie che può far scaturire la nostra mente, l’emancipazione dalle paure della morte, il “vedere nel non vedere”, ovvero l’avvicinarsi al livello superiore trascendendo dalla conoscenza intellettuale, le quattro vie di Gurdijeff, solo per citare alcuni illustri esempi”.

Tutte le passeggiate sono organizzate dai soci del Club Alpino Siciliano per i soci e per i loro ospiti. Le quote di partecipazione previste sono relative ai consumi previsti e destinate alla manutenzione delle strutture. Per tutte le attività, sopratutto quelle svolte al Castellaccio, dato il numero limitato di posti disponibili, sono necessarie le prenotazioni. Per info, 339 1859657

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it