Stabilizzati dal Comune ma per la Regione sono ancora precari

Redazione

Cronaca - Monreale

Stabilizzati dal Comune ma per la Regione sono ancora precari
Giacopelli (Cisl-FP): “Una anomalia da regolarizzare al più presto”

Stabilizzati dal Comune ma per la Regione sono ancora precari

19 Agosto 2019 - 19:07

In base a quanto previsto dalla vigente normativa, tutti i lavoratori che prestano servizio a tempo determinato negli enti pubblici siciliani sono stati inseriti, a partire dal 2015, in un apposito elenco istituito presso l’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro: e ciò riguarda sia il personale “contrattista”, sia coloro che sono impegnati nello svolgimento di attività socialmente utili (Asu).

I soggetti che beneficiano della stabilizzazione o che per qualsiasi altra ragione fuoriescono dal bacino del precariato vengono ovviamente esclusi da questo elenco, che viene periodicamente aggiornato e pubblicato sul sito istituzionale della Regione siciliana.

“Non si comprende il motivo per cui tutti i “contrattisti” che nel corso del tempo sono stati assunti in pianta stabile al Comune di Monreale – afferma Nicola Giacopelli, segretario aziendale della Cisl-Funzione Pubblica – sono attualmente ancora iscritti nell’elenco stesso, per cui fino ad oggi risultano ufficialmente precari. Viene da pensare che si tratti di un spiacevole e banale “disguido” dovuto al semplice fatto che nessuna comunicazione sulle stabilizzazioni attuate è stata mai fornita al dipartimento regionale del lavoro: ed allora appare doveroso segnalare questa anomalia all’assessore al personale Ignazio Davì, che senza dubbio interverrà con immediata solerzia per fare in modo che questa incresciosa situazione possa essere al più presto regolarizzata”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it