Ponte tra New York e Monreale: al via il convegno internazionale sull’autismo

Redazione

Cronaca - Sociale

Ponte tra New York e Monreale: al via il convegno internazionale sull’autismo
Al via Giovedì 9 maggio 2019 a Poggio San Francesco

Ponte tra New York e Monreale: al via il convegno internazionale sull’autismo

06 Maggio 2019 - 11:17

Al via Giovedì 9 maggio 2019 alle ore 9 a Poggio San Francesco, il Convegno Internazionale sull’Autismo, che e si concluderà nella mattina di sabato 11 Maggio presso La Casa del Sorriso a Monreale. L’incontro per mettere a confronto e studiare le vicendevoli implicazioni fra la Gestalt Disability Therapy e le terapie cognitivo comportamentali.

Condotto dagli esperti del The Center for Discovery di New York, dall’equipe del Dipartimento per l’autismo dell’Arcidiocesi di Monreale, dal dirigente dell’associazione di genitori Parent to Parent dello stato di New York, e da una delle voci più autorevoli in America della Gestalt, Susan Gregory, sarà strutturato in laboratori, interventi programmati, Lectio e Tavola Rotonda.

Il primo giorno a Poggio San Francesco sarà molto intenso nella scansione degli orari di lezione dei sei laboratori: la giornata inizierà con brevi saluti istituzionali dell’Assessore alla Famiglia e le politiche sociali della Regione Sicilia Antonio Scavone, della presidente Regionale dell’Uciim Sicilia, Chiara Di Prima e una breve introduzione ai lavori da parte di don Antonio Chimenti, direttore dell’Ufficio per le Comunicazione dell’Arcidiocesi di Monreale.

Alle 9,30 si darà il via ai primi tre laboratori: “Autismo ed effetto stress” a cura di Teresa Hamlin – Associate Executive Director T.C.D. New York e di Giuseppe Rotolo – direttore Dipartimento Autismo Monreale; “Modello HealthE7: Ambiente, alimentazione, energia e regolazione emotiva”, con la prima parte a cura di Nicole Kinney – Capo dei servizi clinici e di Alyce Sherwood – Capo dei servizi adulti entrambe del T.C.D. di New York; “Guarire con l’arte della comunicazione” a cura di Bill Evans – Vice Presidente per lo sviluppo T.C.D. di New York e Don Antonio Chimenti – Direttore dell’Ufficio Comunicazione Sociale dell’Arcidiocesi di Monreale.

Nel pomeriggio alle 15 continueranno i primi due laboratori come seconda parte degli stessi argomenti con uno stile più partecipativo dell’uditorio, mentre il terzo laboratorio sarà concentrato sui genitori e il lavoro in rete secondo l’esperienza di Parent to Parent di New York con Michele Juda presidente della Onlus Statunitense.

Un ponte dunque fra New York e Monreale che vede inoltre la fattiva partecipazione di chi in Sicilia si occupa professionalmente di autismo e formazione specialistica. Nella giornata di venerdì 10, sempre alle 9 in seduta plenaria ci saranno una serie di interventi programmati (di 30 minuti ciscuno) per sentire la vera polifonia delle strategie attualmente in atto nei trattamenti per l’autismo: introdurrà la sessione della mattinata Benedetto Lo Piccolo, direttore del Centro Studi Pedagogici e didattici.

Alle 9,30 il primo intervento sarà quello di Giovanna Gambino, Garante Disabilità Regione Sicilia sulle Prassi sanitarie e i numeri dell’Autismo in Sicilia; seguirà l’escursus delle Prassi terapeutiche del The Center for Discovery a cura di Teresa Hamlin, Associate Executive Director T.C.D. di New York.

Il cambio di prospettiva inizierà con Maria Guglielmini, Filosofa, Liceo classico Garibaldi dell’Università di Palermo con “Ho una malattia… ma non sono la mia malattia”; per giungere alla Ricerca e trattamento dell’autismo attraverso la prospettiva della psicoterapia della gestalt a cura di Susan Gregory, Psicoterapeuta della gestalt di New York.

La forte caratterizzazione formativa del convegno ha ricevuto la concessione di ben 15 crediti ECM dall’Ordine dei Medici di Palermo (per maggiori info si consiglia di visitare il sito web ufficiale dell’Ordine); e 15 crediti ECM dall’Ordine Professionale Assistenti Sociali della Sicilia che patrocinerà l’evento. Inoltre tutti gli insegnanti, grazie all’UCIIM Sicilia (partner del Convegno), riceveranno gli attestati di credito per un massimo di 18 ore formative (per le iscrizioni bisogna accedere ai siti web ufficiali e ci saranno dei registri per attestare le ore effettivamente seguite).

Nel pomeriggio alle 15,30 riprenderanno i lavori con la lectio magistralis di Giuseppe Rotolo direttore del Dipartimento per l’Autismo della Arcidiocesi di Monreale su “Gestalt Disability Therapy (G.D.T.) e il modello terapeutico della Diocesi di Monreale”. Seguirà la tavola rotonda moderata da Don Antonio Chimenti, per confrontarsi su tale proposta insieme con Susan Gregory, Teresa Hamlin, Alyce Sherwood, Nicole Kinney, Antonio Bellingreri e Rosanna Catinella.

Il Convegno, promosso dal Dipartimento per l’Autismo, dal Servizio Persone Disabili e dall’Ufficio Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Monreale, vedrà la collaborazione anche dell’Università di Palermo e dell’Università di Roma Lumsa, nonché del Servizio Nazionale della Conferenza Episcopale Italiana per la Catechesi delle Persone Disabili, e lo Sportello Autismo della Città di Palermo.

Il titolo del convegno: Senti chi parla! Intende puntare l’accento sull’aspetto sensoriale dell’approccio terapeutico in quella che è sembrata essere una rivoluzione copernicana in tal senso: non si tratta di insegnare alla persona con autismo a “sentire” il resto del mondo come lo sentiamo noi, ma di insegnare al mondo a “sentire” con la modalità con cui “sente” e dunque conosce la persona con autismo.

Il seminario di studi quindi intende indagare e formare su tali aspetti di tipo sensoriale che puntano ad un approccio olistico nel formulare un piano terapeutico personalizzato che includa la cura anche dei genitori e aspetti talvolta sottovalutati come la diagnosi sensoriale delle persona con autismo, la dieta personalizzata per la gestione dello stress e il lavoro manuale con i prodotti della terra e degli animali per l’approccio alla complessità della realtà.

L’ultimo giorno, l’11 Maggio alle 9 sarà sempre a Monreale ma questa volta alla “Casa del Sorriso” con i dovuti saluti istituzionali di Monsignor Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale, della dirigente scolastica Chiara Di Prima, Presidente UCIIM-SICILIA, di Antonio Bellingreri, Presidente Corsi di studi Scienze dell’Educazione Università di Palermo, di Calogero Caltagirone Lumsa-Palermo, di Toti Amato, Presidente Ordine dei Medici Palermo, di Giuseppe Graceffa, Presidente Ordine Assistenti Sociali Sicilia.

Ma la mattinata sarà caratterizzata oltre che dalla presentazione del modello del The Center for Discovery New York e del Dipartimento per l’Autismo della Diocesi di Monreale, dal racconto delle esperienze dei genitori, di Veronica Donatello, CEI-UCN, Responsabile Catechesi persone disabili, di Margherita Maniscalco, Sportello Autismo Palermo e di Benedetto Lo Piccolo, del Centro Studi Pedagogici e didattici di Palermo.

A questo intero progetto ha molto creduto monsignor Michele Pennisi, che proprio lo scorso autunno ha firmato un protocollo d’intesa con il Cardinal Dolan, Arcivescovo di New York, per lo scambio formativo e diagnostico con il The Center For Discovery di NY con cui abbiamo voluto organizzare questo convegno.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it