Olimpiadi di Tokyo a rischio? Perché una cancellazione o un rinvio sono scenari molto complicati

Redazione

Sport - Emergenza Coronavirus

Olimpiadi di Tokyo a rischio? Perché una cancellazione o un rinvio sono scenari molto complicati
Al momento rimangono confermate, ma si sta pensando però di rinviare anche le olimpiadi

Olimpiadi di Tokyo a rischio? Perché una cancellazione o un rinvio sono scenari molto complicati

20 Marzo 2020 - 09:11

Il primo ministro Shinzo Abe ha cominciato a veicolare i suoi messaggi sulle Olimpiadi di Tokyo da una precedente netta presa di posizione circa l’intoccabilità delle date fissate, ad una più morbida valutazione delle alternative, a dimostrazione che potrebbe aver accettato che il coronavirus sia davvero letale e potrebbe rendere necessario rinviare l’evento previsto nel mese di luglio.

Abe e il suo gabinetto, così come gli organizzatori e il governatore di Tokyo Yuriko Koike, fino a qualche giorno fa erano stati unanimi nell’insistere che i Giochi sarebbero stati messi in scena come da programma. Ma, a seguito di una videoconferenza dei leader del G-7 sul coronavirus lunedì 16 marzo, Abe ha evitato di commentare i tempi dell’evento.

Voglio tenere le Olimpiadi e le Paralimpiadi complete in tutti gli sport, come prova che la razza umana vincerà sul nuovo coronavirus, e ho ottenuto il sostegno da parte dei leader del G-7“, ha detto ai giornalisti dopo l’evento.

Procedere come pianificato o rinviare?

Tralasciando le decisioni degli altri sport come Euro 2020 e il Roland Garros di tennis già rinviati, con un numero crescente di eventi di qualificazione olimpionici già annullati, la data di inizio estiva sembra sempre più impraticabile. Il Comitato Organizzatore di Tokyo chiede agli spettatori di stare alla larga dalla staffetta della torcia che dovrebbe partire dalla fine del mese, un evento che di solito dovrebbe suscitare entusiasmo per i giochi, sarà tenuto a porte chiuse.

Nonostante il messaggio di Abe a chiusura del G7, il ministro delle Olimpiadi, Seiko Hashimoto, in seguito ha negato che questi commenti significassero qualche ritardo all’evento.

“Le sue parole significano soltanto prepararsi adeguatamente per garantire le olimpiadi come previsto e lavorare insieme a tal fine“, ha detto Martedì. Il segretario capo del governo Yoshihide Suga ha anche affermato che non vi è stato alcun cambiamento nei preparativi del Giappone.

Il capo del comitato olimpico francese ha riferito in precedenza che il virus dovrebbe essere in declino entro la fine di maggio per consentire i giochi di Tokyo a luglio, realtà assolutamente non calcolabile sin da ora. In risposta, Hashimoto ha ribadito che il Comitato Olimpico Internazionale aveva l’autorità per prendere la decisione di un non rinvio.

Vediamo gli scenari possibili

Una cancellazione è l’opzione meno desiderabile, ma anche la più quotata dai bookmakers (a quota 1.73) su tutte le migliori app, e – ricordiamolo – spesso questi riescono ad anticipare i risvolti effettivi, e la messa in scena di un Summer Games senza spettatori sembra sempre meno pratica. Ciò rende un rinvio, di alcuni mesi o addirittura di un anno intero, lo scenario più probabile se gli sforzi per contenere la diffusione del coronavirus non mostrano presto segni di progresso – ma anche questo è pieno di complicazioni.

Martedì, lo stesso giorno in cui Seiko Hashimoto affermava la regolarità dei tempi previsti e il CIO aveva pianificato telefonate con i Comitati Olimpici Nazionali e altre parti interessate, ribadendo l’intenzione dell’organizzazione di procedere nei tempi previsti, un alto funzionario olimpico giapponese ha dichiarato di essere risultato positivo al virus. L’organo di governo ha rilasciato una dichiarazione più tardi nel corso della giornata, affermando che “la pandemia fosse una situazione senza precedenti per il mondo intero” ma “non è necessario prendere decisioni drastiche in questa fase; e qualsiasi speculazione in questo momento sarebbe controproducente. “

Lo scenario più probabile potrebbe anche essere il più impegnativo: posticipare i Giochi per un certo periodo di tempo sarà costoso e complicato. La messa in scena delle Olimpiadi è un’impresa mastodontica. La stima del loro costo si aggirava intorno ad un prezzo di $ 12,6 miliardi, sebbene il Board of Audit, un ente istituito per rivedere le spese del governo, stimasse che il Giappone avrebbe effettivamente speso più di $ 25 miliardi relativi ai Giochi.

Le Olimpiadi comprendono 33 sedi di competizione, 11 delle quali costruite per questi Giochi. Il CIO e il comitato di Tokyo 2020 non possiedono tutte queste strutture, in genere le concedono in leasing per un uso e un periodo di tempo specifici. Alcuni hanno altri inquilini e piani in fila oltre i Giochi.

L’operazione mediatica delle Olimpiadi avrà sede presso il Tokyo Big Sight, che funge da principale spazio congressuale della città. Ritardare i Giochi significa che un’importante struttura di Tokyo non sarebbe disponibile a tempo indeterminato. La sede di proprietà della città ospita normalmente 300 mostre ogni anno. A conclusione dei Giochi, il Villaggio Olimpico dovrebbe essere convertito in oltre 5.600 condomini, che ospitano 12.000 persone. Le società immobiliari hanno finora elencato 940 unità in vendita e hanno ricevuto oltre 2.200 domande, con alcuni appartamenti già venduti.

C’è anche la questione del personale. I giapponesi faranno affidamento su circa 80.000 volontari per contribuire a mettere in scena queste Olimpiadi, persone che hanno sospeso il lavoro e molto tempo fa hanno programmato di essere disponibili quest’estate. Allo stesso modo, altre migliaia sono state assunte o trasferite dai governi locali per contribuire a organizzare le Olimpiadi, una spesa prevista che dovrebbe scadere dopo la conclusione dei Giochi estivi.

Per quanto riguarda gli atleti che si allenano da anni per raggiungere il picco in un periodo specifico di tre settimane in estate, qualsiasi rinvio richiederebbe importanti aggiustamenti. Le Olimpiadi di settembre o ottobre sarebbero molto diverse da una competizione di mezza estate. Un clima più fresco potrebbe essere un vantaggio per alcuni sport all’aria aperta, ma altri sport potrebbero avere difficoltà a organizzare i loro eventi. Il surf, ad esempio, così come il golf, il tennis, il baseball, il softball e il basket dovrebbero essere alle prese con condizioni tutt’altro che ideali o con gravi conflitti di programmazione.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it