L’arcivescovo Lorefice allo Zen: incontra i bambini del progetto sulla legalità

Guglielmo Francavilla

Palermo - Palermo

L’arcivescovo Lorefice allo Zen: incontra i bambini del progetto sulla legalità
Dopo la Messa, l’Arcivescovo ha fatto visita alla stazione carabinieri San Filippo Neri

L’arcivescovo Lorefice allo Zen: incontra i bambini del progetto sulla legalità

03 Ottobre 2019 - 09:54

Ieri pomeriggio, l’Arcivescovo di Palermo monsignor Corrado Lorefice, ha celebrato la santa messa all’interno della chiesa parrocchiale di San Filippo Neri in occasione dell’incontro con gli anziani. Subito dopo, l’Arcivescovo ha fatto visita alla stazione carabinieri San Filippo Neri dove è stato ricevuto dal comandante Provinciale dei carabinieri di Palermo colonnello Arturo Guarino e dal comandante della Stazione locale, Maresciallo Maggiore Davide De Novellis.

Monsignor Lorefice ha incontrato i militari in servizio alla Stazione alla presenza di un gruppo di bambini che partecipano ad attività laboratoriali curati dall’associazione Bayty baytik, nell’ambito del progetto “Varcare la soglia” de “L’albero della vita”. Lo scopo è quello di rafforzare il legame fra gli alunni ed i loro “maestri Carabinieri”. Il laboratorio è uno dei progetti “Cultura della legalità”, promosso dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri con l’obiettivo di alimentare la fiducia nelle Istituzioni, anche nelle aree più disagiate.

Il vescovo è stato felice di incontrare in caserma tanti bambini del quartiere che vedono nel carabiniere, non solo l’Istituzione, ma un loro amico, ha ringraziato i militari per il l’impegno e l’entusiasmo con cui svolgono il servizio in un contesto così difficile, dando prova di una particolare umanità. Solo pochi giorni fa durante una processione religiosa in onore del santo Padre Pio, il corteo, giunto all’altezza della caserma, ha omaggiato con “l’inchino” la Stazione, come evidente segno di gratitudine per il lavoro dell’Arma.

L’evento è stato animato dalle note della Fanfara del 12° Reggimento Carabinieri Sicilia, che ha suonato prima sul sagrato della Chiesa e poi in prossimità della Stazione Carabinieri, ricambiando il segno di affetto dei residenti del quartiere Zen 2.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it