Altofonte, altre due persone positive al coronavirus: ora sono 19

Redazione

Regione - L'emergenza sanitaria

Altofonte, altre due persone positive al coronavirus: ora sono 19
Il sindaco De Luca aggiorna i dati: il totale sale a 19. Ma non ha intenzione di chiudere le scuole: "Sono i luoghi più sicuri"

Altofonte, altre due persone positive al coronavirus: ora sono 19

25 Ottobre 2020 - 09:22

“Sono purtroppo di nuovo qui a comunicarvi l’incremento di altri 2 casi positivi al coronavirus. Sono un insegnante e il suo bambino che, fortunatamente, stanno bene e che hanno fatto tampone a seguito di una semplice influenza, scoprendo di essere positivi”. Così, con un post su Facebook, il sindaco di Altofonte Angela De Luca ha comunicato altri due casi di positività al Covid-19. Ora il totale delle persone positive al coronavirus nella cittadina in provinci di Palermo sale a quota 19. “Il preside ed il responsabile alla sicurezza hanno già comunicato al dipartimento di prevenzione l’accaduto e valuteranno se attivare la didattica a distanza ed eventualmente per quali classi”, spiega il sindaco.

Il primo cittadino, poi, risponde in maniera non proprio diretta alla questione sollevata dal gruppo consiliare di opposizione Insieme per Altofonte che raccontavamo in questo articolo: “In molti mi chiedete di chiudere le scuole e mi domandate, essendo mamma, come trovo il coraggio di portare mio figlio. Ebbene, perché penso che la scuola sia uno dei posti più sicuri dove mandare i nostri figli. Sono stati spesi milioni per la sicurezza, per le entrate separate. Nel momento in cui entrano in classe, le insegnanti mettono in atto tutti i protocolli necessari, il personale sanifica quotidianamente gli spazi, i ragazzi vengono guardati a vista e non gli viene permesso di entrare in contatto potendosi infettare. Ho paura fuori dalla scuola, nel posto di lavoro, in famiglia, tra gli amici, quando ci sentiamo più sicuri e a nostro agio, fra gli affetti più cari pensiamo di poter stare tranquilli. Purtroppo sono lì che aumentano i contagi, dobbiamo limitare al massimo la vita sociale e utilizzare tutte le dovute precauzioni: l’igiene è fondamentale, il distanziamento, le mascherine”

Poi una stoccata all’Asp: “Ormai è chiaro a tutti come l’Asp abbia perso il controllo dei dati, si fa confusione tra i vari tipi di tampone, si naviga a vista. Rivolgo un grande abbraccio a tutti i cittadini positivi o in quarantena cautelare e che aspettano che venga effettuato il tampone già da tantissimi giorni, cerchiamo di affrontare con coraggio, serietà e serenità questo terribile mostro”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it