Trading criptovalute, quali sono quelle emergenti su cui investire nel 2020

Redazione

Dall'Italia e dal Mondo - Investimenti

Trading criptovalute, quali sono quelle emergenti su cui investire nel 2020
Il termine criptovaluta viene inevitabilmente associato ormai a BItcoin, ma in realtà ci sono anche tante altre valute digitali

Trading criptovalute, quali sono quelle emergenti su cui investire nel 2020

01 Settembre 2020 - 11:15

Al giorno d’oggi, è impossibile non comprendere come le criptovalute abbiano un ruolo di spicco nell’universo delle asset class che si possono sfruttare all’interno di qualsiasi programma di trading online che abbia un senso.

Il termine criptovaluta viene inevitabilmente associato ormai a BItcoin, ma in realtà ci sono anche tante altre valute digitali, ovvero Ethereum e Ripple, ma non solo. Sul mercato si stanno affermando anche altre criptovalute che potrebbe rivelarsi davvero promettenti: è proprio per questo che la Cina, ad esempio, sta pensando di inaurare la moneta digitale di Stato nel 2021.

Le migliori criptovalute emergenti

Il mercato delle criptovalute può ancora garantire delle soddisfazioni per quanto riguarda le soluzioni emergenti, oppure non ci sono orizzonti positivi? Togliamoci subito il pensiero: è bene mettere in evidenza come abbia poco senso fare riferimento a criptovalute emergenti, ma bisogna approfondire alcuni progetti.  Tra l’altro, a Roma è nato il primo Bitcoin Cafè, in cui si può parlare proprio di criptovalute e di nuovi progetti legati alle monete digitali.

Durante gli ultimi anni, oltre il 90% delle criptovalute che sono state proposte sul mercato non è riuscita a progredire in alcun modo, ma d’altro canto probabilmente lo scenario complessivo non era quello ideale per garantire il lancio di nuove criptovalute. Ora, invece, ci sono delle premesse migliori da considerare e sembra proprio il momento più adatto per sostenere dei progetti di valuta digitale piuttosto importanti, compresi gli stablecoin.

Su quali criptovalute emergenti conviene investire

Il passo successivo, adesso, è quello di comprendere come poter investire sulle criptovalute emergenti. È bene sottolineare come, però, andando alla ricerca delle più interessanti criptovalute emergenti, sia fondamentale evitare di farsi prendere troppo dall’entusiasmo. Infatti, capita piuttosto di frequente di notare come le criptovalute emergenti, in pratica quelle che sono state proposte con aidrop, IPO oppure altri sistemi, rimangono tante volte al di fuori dalle negoziazioni dei circuiti legati agli exchange e ai broker CFD. In tal senso, è bene sottolineare come restino in un ambito di vera e propria attribuzione diretta del fondatore.

In ogni caso, ci sono determinate criptovalute emergenti che si stanno facendo sempre più di frequente strada nei vari listini dei broker CFD. Il suggerimento migliore da seguire, quindi, è quello di provvedere all’apertura di un conto di trading gratis sui più importanti broker CFD. Perché è conveniente investire in criptovalute tramite i contratti per differenza? Prima di tutto perché consentono di raggiungere un profitto potenziale quando si verifica una crescita del mercato, ma anche nelle fasi di calo dello stesso. L’aspetto più importante, infatti, non è il prezzo delle criptovalute, quanto piuttosto l’efficacia della propria previsione relativa all’andamento dello stesso prezzo. Quindi, i profitti possono ampliarsi sfruttando una leva finanziaria, ma in generale investire in criptovalute emergenti tramite i CFD permette di investire in modo semplice e rapido.

Il copytrading sulle criptovalute

È chiaro che non ogni trader possiede le competenze necessarie per effettuare degli investimenti in via del tutto autonomia sulle valute digitali. L’attività del copytrading può tornare decisamente utile all’inizio, visto che consentono di replicare praticamente tutto quello viene deciso da gli investitori più importanti all’interno della propria community, in via del tutto rapida e gratis. Prima di copiare certe attività, considerate sempre livello di rischio, i mercati in cui il trader vuole investire, la derivazione e i dati dei vari fattori.

Trading criptovalute: scegliere Plus500

Chi ha poca esperienza con questo settore deve chiaramente prendere in considerazione la possibilità che ci siano dei broker poco seri e affidabili, che promettono lauti guadagni nel giro di pochissimo tempo.

Importante stare alla larga da questi pseudo-esperti, facendo affidamento su piattaforme più sicure: ad esempio, si può cominciare a fare trading criptovalute con Plus500. Ci sono vari motivi che spingono a scegliere una simile piattaforma. Prima di tutto perché può contare sulla regolamentazione CySEC con il numero di licenza 250/14, e soprattutto perché basa tutta la sua attività sulla serietà e professionalità che dovrebbe albergare in qualsiasi broker, adattandosi sia ai professionisti che a quegli utenti che cominciano da zero.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it