Gup accoglie richiesta della difesa: dissequestrati beni ex vescovo Miccichè

Redazione

Cronaca - Quadri e statue votive ma anche un pianoforte

Gup accoglie richiesta della difesa: dissequestrati beni ex vescovo Miccichè
Si tratta di circa 60 oggetti che nel 2015 il pubblico ministero aveva sottoposto a sequestro probatorio

Gup accoglie richiesta della difesa: dissequestrati beni ex vescovo Miccichè

27 Luglio 2020 - 19:16

Il Giudice dell’Udienza preliminare di Trapani Corso, ha accolto la richiesta proposta dalla difesa dell’ex vescovo Miccichè, di dissequestro dei beni. In particolare, il Giudice ha disposto l’immediata restituzione di circa 60 oggetti che nel 2015 il pubblico ministero aveva sottoposto a sequestro probatorio, ritenendo che gli stessi fossero stati indebitamente sottratti dalla Fondazione Auxilium di Valderice e illecitamente spostati presso la residenza di Monsignor Miccichè a Monreale.

Si tratta principalmente di beni a vocazione religiosa e funzione liturgica, quali quadri e statue votive ma anche un pianoforte, mobilio e vasellame. “Da sempre – spiegano i legali del vescovo – Miccichè aveva sostenuto che si trattava di beni personali provenienti, per la maggior parte, da donazioni ricevute dai fedeli in occasione delle visite Pastorali ma anche di beni di proprietà della sorella, ingiustamente, privata della disponibilità di oggetti a lei cari, alcuni dei quali addirittura ricevuti in occasione delle sue nozze”.

Soddisfazione viene espresse dal Collegio difensivo del Vescovo, costituito dagli avvocati Mario Caputo, Francesco Troìa e Nicola Nocera, che da anni sostiene l’insussistenza di ogni fondamento giuridico del sequestro probatorio, nell’attesa di chiarire in dibattimento l’assoluta innocenza anche dalle rimanenti accuse a suo carico.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it