Mafia, confiscati beni per 4 milioni agli eredi dei boss Madonia e Di Trapani

Redazione

Palermo - Il provvedimento

Mafia, confiscati beni per 4 milioni agli eredi dei boss Madonia e Di Trapani
Per il tribunale i beni sono frutto di attività illecite o che ne abbiano costituito il reimpiego

Mafia, confiscati beni per 4 milioni agli eredi dei boss Madonia e Di Trapani

02 Luglio 2020 - 08:47

I carabinieri del Ros, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia, hanno eseguito un decreto di confisca emesso nei confronti degli eredi dei noti esponenti mafiosi Francesco Madonia e Francesco Di Trapani. I beni sottoposti a confisca, per un valore stimato di oltre 4 milioni di euro, sono costituiti da un bar-tabacchi, due ville e sei immobili, terreni e valori in deposito di una società riferibile alla famiglia Madonia.

Il tribunale ha ritenuto che i beni siano stati frutto di attività illecite o che ne abbiano costituito il reimpiego e che comunque siano stati originariamente acquisiti e sottoposti alla diretta gestione economica e amministrativa da parte di Madonia e Di Trapani. Nel corso delle indagini effettuate dal Ros è emerso che dopo l’arresto e fino ai decessi, i capimafia attraverso i loro familiari più stretti hanno continuato a impartire direttive nella gestione delle attività illecite del mandamento.

Le disposizioni fornite avevano riguardato sia il compimento di delitti nell’interesse dell’associazione mafiosa, sia l’amministrazione del cospicuo patrimonio imprenditoriale e immobiliare, dislocato tra Palermo e provincia. Ai dati tratti dall’attività tecnica, sono seguiti gli accertamenti patrimoniali afferenti le disponibilità economiche dei due e dei congiunti, nonché dei formali intestatari di aziende, immobili e terreni.

Le indagini hanno permesso di individuare l’epoca in cui sono state concretizzate le fittizie intestazioni di imprese, immobili e terreni a vantaggio degli eredi dei noti uomini d’onore, eredi a loro volta anch’essi emersi, nel medesimo contesto investigativo (indagine Rebus), come affiliati o contigui all’associazione mafiosa. “Gli elementi complessivamente documentati – spiegano i militari – e l’analisi patrimoniale svolta sui proposti ha infine portato alla emissione dell’odierno e definitivo provvedimento di confisca”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it