L’arcivescovo Pennisi e la Caritas in aiuto alle famiglie meno abbienti

Redazione

Cronaca - L'appello lanciato dall'Amministrazione

L’arcivescovo Pennisi e la Caritas in aiuto alle famiglie meno abbienti
La Giunta lancia l'appello a commercianti e privati "Aiutateci a raccogliere alimenti"

L’arcivescovo Pennisi e la Caritas in aiuto alle famiglie meno abbienti

16 Marzo 2020 - 15:25

L’arcivescovo di Monreale Michele Pennisi e il direttore della Caritas diocesana Ferdinando Toia, sono stati i primi ad accogliere l’appello lanciato dalla Giunta comunale e dal sindaco Alberto Arcidiacono, che chiedono a tutti coloro che ne hanno la possibilità di aiutare in questo momento così difficile, le famiglie in difficoltà. Il sindaco e la giunta hanno ringraziato anche le associazioni che hanno già inviato le prime derrate e fra questo anche il presidente dell’Asfa Sicilia” (Associazione di sostegno alla famiglia) Diego Mannisi, i panificatori monrealesi Francesco Castelluccio, il panificio Tusa di corso Pietro Novelli, Forno Tusa e panificio Campanella.

“Stiamo facendo tanti sforzi e proveremo ad aiutare tanti monrealesi – ha detto il sindaco Arcidiacono – le risorse non sono infinite. Lasciamo la possibilità di recuperare beni di prima necessità soltanto a chi ha davvero bisogno. Grazie alla Caritas e al nostro arcivescovo Michele Pennisi, a Diego Mannisi, all’ Adra, ai commercianti e alla chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, che stanno aiutando il Comune in questa fase emergenziale”. Poi il primo cittadino ha invitato ancora una volta tutti a rimanere a casa. Per richieste urgenti si può utilizzare i numeri messi a disposizione dal Comune: 3355331619 e 3666193037.

Altre notizie su monrealepress

2 commenti a “L’arcivescovo Pennisi e la Caritas in aiuto alle famiglie meno abbienti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it