Palermo, controlli contro il bracconaggio: denunciate due persone. Liberati 26 cardellini

Redazione

Palermo

Palermo, controlli contro il bracconaggio: denunciate due persone. Liberati 26 cardellini

Palermo, controlli contro il bracconaggio: denunciate due persone. Liberati 26 cardellini
23 Settembre 2018 - 12:40

Due distinte operazioni di servizio dei Carabinieri del Cites (Centro Anticrimine Natura) di Palermo, hanno consentito di liberare 26 esemplari di avifauna selvatica protetta e di denunciare due persone.

Il primo episodio nel quartiere “Villaggio Santa Rosalia” dove i carabinieri hanno notato sul balcone di un’abitazione delle gabbiette contenti alcuni esemplari di avifauna selvatica di “Carduelis Carduelis” (nome comune Cardellino). I militari hanno accertato che gli animali erano privi di anello identificativo o di altro sistema di marcaggio. Il proprietario S.T. 51enne palermitano, volto noto ai militari perché già deferito per reati analoghi, non è stato in grado di fornire la documentazione attestante la legittima detenzione. Per questa ragione è stato deferito in stato di libertà per aver detenuto esemplari appartenenti ad una specie animale selvatica protetta. I 6 esemplari, dopo la visita veterinaria, sono stati giudicati idonei alla liberazione e, come disposto dall’Autorità Giudiziaria sono stati rimessi in natura presso il parco D’Orleans.

I militari della Compagnia Carabinieri di Lercara Friddi coadiuvati dai Carabinieri Forestali del Cites di Palermo, impegnati in un’attività di prevenzione e repressione a tutela della conservazione del patrimonio di biodiversità nel comprensorio lercarese, hanno effettuato un’accurata perquisizione all’interno di un magazzino rurale, rinvenendo all’interno di una angusta gabbia ben 20 esemplari di cardellini. L’attività, preceduta da un periodo di osservazione svolto dall’Arma locale, ha consentito di rintracciare un magazzino rurale in contrada Friddi dove erano stati nascosti i 20 piccoli fringillidi, specie particolarmente protetta sia dalle leggi italiane che dalla convenzione internazionale di Berna del 1979, in merito alla conservazione della vita selvatica e dei suoi biotopi in Europa.

Il proprietario del deposito, C.F. lercarese 50enne è stato deferito in stato di libertà e dovrà rispondere di ricettazione e detenzione di animali in condizioni incompatibili e produttive di gravi sofferenze. I cardellini al momento in fase di muta stagionale del piumaggio, sono stati rinvenuti all’interno di una gabbia angusta e in condizioni di grave sofferenza tali da impedire loro non solo di volare ma anche di muoversi all’interno. Tutti gli esemplari sono stati sottoposti a visita medico veterinaria, che ne ha attestato l’idoneità alla immediata re-immissione in natura nei boschi dei Monti Sicani che circondano l’abitato lercarese.

“Le recenti attività – spiegano dal Comando – si inseriscono nell’ambito di una più ampia serie di controlli che i Carabinieri Forestali hanno avviato al fine di assestare un duro colpo alla commercializzazione, specie all’interno dei mercati del capoluogo palermitano, di esemplari di cardellino, verosimilmente utilizzati come richiami vivi per attuare l’odiosa pratica dell’uccellagione”.

fasi-sequestro-cardellini-1 fasi-sequestro-cardellini-3

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it