Villaciambra, classi “pollaio” alla Albano: “Scuola nuova? Adesso è impossibile”

Redazione

Cronaca

Villaciambra, classi “pollaio” alla Albano: “Scuola nuova? Adesso è impossibile”

Villaciambra, classi “pollaio” alla Albano: “Scuola nuova? Adesso è impossibile”
25 Settembre 2017 - 18:00

Classi pollaio, mancanza di sicurezza, il tema della mensa, le strisce pedonali, i cordoli e la nuova scuola. Di questo e tanto altro si è parlato stamattina in un incontro voluto da alcuni rappresentanti dei genitori di Villaciambra e il sindaco Piero Capizzi. L’incontro si è tenuto presso il neo circolo culturale appena inaugurato. Tema principale è stata la situazione “drammatica” dei bambini della scuola elementare Albano. Classi microscopiche e tanti bambini a fare lezione. Una situazione che preoccupa non poco i genitori che, come riferiscono al Primo Cittadino, “in caso di emergenza o fuga dall’istituto potrebbero rimanere feriti o peggio”.

Il sindaco, ricordando che ha chiesto ai dirigenti scolastici in servizio presso le scuole delle frazioni di dare priorità per le iscrizioni dei bambini a quelli residenti nelle frazioni stesse. E solo dopo agli altri bambini. Poi si è concentrato sulla questione aule: “La scuola Albano non nasce come scuola. E’ stata adattata ad essere un edificio scolastico. Difficile trovare una soluzione definitiva – dice il sindaco – perché il nostro comune non ha al momento i soldi per costruire nuove scuole”. La soluzione percorribile, al momento, appare l’affitto di alcuni locali che si trovano presso la parrocchia di Piano Maglio: “C’è già la disponibilità del parroco – ha detto Capizzi – Faremo qualche sopralluogo e verificheremo che tutto sia a norma.Non è la soluzione perfetta, ma meglio di farli studiare in quelle classi o peggio nei garage”.

La scuola nuova, però, a Villaciambra rimane una chimera: “E’ il sogno di qualsiasi sindaco quello di costruire una nuova scuola – dice Capizzi – Pure il mio. Si lascia un segno indelebile. Ma purtoppo non possiamo farlo. So che il governo nazionale sta pensando a nuovi interventi per la realizzazione di nuove scuole. Noi abbiamo un progetto preliminare pronto. Certo, è del 1999, ma vi assicuro che nel giro di 4/5 giorni i nostri uffici sarebbero in grado di adeguarlo alle normative vigenti e presentare immediatamente un progetto cantierabile. Non ci sarebbero mai più bambini accampati nelle aule”. “A Monreale cambiano i sindaci, ma i problemi rimangono gli stessi”, chiosano i genitori. “Avete ragione – dice il Primo Cittadino – Ma vi giuro che questo problema non è sottovalutato”. Questione sicurezza, poi. Il sindaco ha promesso la ralizzazione delle strisce pedonali e dei cordoli in tempi rapidi, mentre è più complessa la presenza della Polizia Municipale davanti le scuole: “Organico molto carente – dice Capizzi – Proverò a parlare con il comandante per capirne di più. Ma sarà difficile garantire la presenza degli agenti qui”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it