Monreale, la pianta della discordia. “Tagliata senza autorizzazione, ora qualcuno pagherà”

Redazione

Cronaca

Monreale, la pianta della discordia. “Tagliata senza autorizzazione, ora qualcuno pagherà”
Ieri tensione in chiasso Sangiorgi. Si è sfiorata la rissa. L’alberello capitozzato nonostante la mancanza del nulla osta del Comune.

Monreale, la pianta della discordia. “Tagliata senza autorizzazione, ora qualcuno pagherà”

18 Gennaio 2016 - 00:00

Attimi di tensione ieri in chiasso Sangiorgi, traversina molto graziosa di piazza Matteotti o Arancio. Il motivo della rissa, quasi sfiorata, tra vicini, una pianta. Alberello di viburnum, mutilato, o meglio capitozzato dai vicini, perché le foglie “arrecavano disturbo”. “Fermo restando – dice Umberto Bruno, uno dei residenti del Chiasso – che qui è casa nostra, non è assolutamente vero che i rami dell’albero davano fastidio. Semmai era qualche foglia e comunque un gesto simile non è assolutamente concepibile”. Chiasso Sangiorgi è stato riqualificato circa 20 anni attraverso fondi europei. I residenti chiesero ed ottennero dal Comune, la realizzazione di un’aiuole. “Lo abbiamo fatto per rendere più verde questa zona di Monreale – dice Bruno – ed il colpo d’occhio è eccezionale”. In effetti chiasso Sangiorgi è molto ben curato. Poi l’inizio delle “ostilità” con i vicini. “Non solo hanno realizzato un tratto di collegamento fognario molto discutibile – dice Bruno -, ma adesso entrano a casa nostra e tagliano un albero. Non è accettabile”. I vicini, infatti, ieri mattina, si sono introdotti in chiasso Sangiorgi con un’auto, hanno tagliato i rami, caricato tutto ed andati via. È quasi scoppiata una rissa, tenuta a bada dalle persone intervenute. “Io avrei anche tagliato qualche fogliolina per evitare problemi – conclude Bruno -, loro hanno mutilato un albero che è qui da quasi 20 anni”. Dal Comune hanno fatto sapere che la signora aveva chiesto l’autorizzazione a tagliare la pianta. Autorizzazione che era stata negata. Mentre dal comando di polizia municipale fanno sapere che effettueranno un sopralluogo e dei controlli per venire a capo della faccenda. UNA PICCOLA E DOVUTA PRECISAZIONE Riceviamo un messaggio da parte del giardiniere che ha tagliato i rami dell'albero che ci sottolinea di come lui fosse all'oscuro di tutta la situazione e che ha agito in buona fede e dietro rassicurazioni da parte della signora che l'ha chiamato. "La signora mi ha detto che l'albero non era comunale e che comunque erano tutti d'accordo sul taglio dei rami. Ho subito una vera e propria aggressione verbale da parte del signor Bruno che mi accusato di ssere il responsabile del taglio. Io stavo solo svolgendo il mio lavoro".

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it