Antonella De Miro è il nuovo prefetto di Palermo

Redazione

Palermo

Antonella De Miro è il nuovo prefetto di Palermo
Prende il posto di Francesca Cannizzo trasferita dopo lo scandalo sui beni confiscati

05 Gennaio 2016 - 15:00

Si insedierà tra poche ore Antonella De Miro, nominata dal Consiglio dei Ministri alla fine di dicembre, dopo il traferimento di Francesca Cannizzo, il cui nome era comparso più volte delle intercettazioni dell’inchiesta sui beni confiscati che ha travolto il giudice Silvana Saguto, indagata per corruzione aggravata, induzione alla concussione e abuso d’ufficio.

“Torno dopo circa 9 anni nella mia terra di Sicilia – ha detto la De Miro – carica di un grande bagaglio di esperienza professionale e umana maturata nelle mie diverse sedi di lavoro. Orgogliosa di una nomina che mi onora e rappresenta il riconoscimento per il mio impegno professionale e per il lavoro fin qui svolto”. Il nuovo prefetto di Palermo ha infatti concluso la sua esperienza come prefetto di Perugia. Alla cerimonia di saluto erano presenti anche il sottosegretario all’Interno Gianpiero Bocci, il presidente della Regione, Catiuscia Marini e il sindaco di Perugia Andrea Romizi.

“A Perugia – ha aggiunto la De Miro – ho svolto le funzioni di prefetto per poco più di un anno, 16 mesi per l’esattezza, un periodo breve ma intenso di lavoro attento e appassionato, ricco di attività ed iniziative che hanno richiesto molteplici sinergie istituzionali e condivisione di intenti, sia per la tutela della sicurezza del territorio, sia per un’efficace difesa dalle possibili infiltrazioni mafiose nell’economia legale, sia a garanzia della coesione sociale, nonché in tema di assistenza ai profughi e di protezione umanitaria. Si tratta di azioni che hanno richiesto una costante attività di coordinamento e un impegno quotidiano nel far rete in maniera davvero costruttiva con le forze di polizia e con le istituzioni locali e le pubbliche amministrazioni, anche attraverso i tavoli del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e della Conferenza permanente, grata di aver sempre potuto confidare nella massima leale collaborazione di ciascun organo o ufficio. Ho dovuto anche prendere, responsabilmente, decisioni importanti e talora anche difficili, e sempre nel massimo interesse di questa splendida terra, rispetto alle quali non è mai mancato il calore della fiducia e della stima riservate alla mia persona, come anche della considerazione riservatami dagli organi di informazione”.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it