Monreale, apre il centro d’ascolto per le donne

Redazione

Cronaca

Monreale, apre il centro d’ascolto per le donne
Voluto dall'associazione DonnAttiva, darà consulenza psicologica e legale alle donne vittima di violenza

Monreale, apre il centro d’ascolto per le donne

25 Novembre 2014 - 18:00

“Abbiamo combattuto tantissimo per questo centro e vederlo aperto, oggi, mi rende veramente felice” . Con queste parole Ina Modica, presidente dell’associazione DonnAttiva, ha inaugurato il nuovo centro di ascolto per le donne. “L’apertura di questo centro è stata una vera e propria sfida – ha detto la Modica -. Desidero ringraziare monsignor Pennisi che ci ha dato fiducia ed un aiuto, metendoci a disposizione questi locali”., Il centro, infatti, si trova nei locali di Sant’Isidoro, concessi in comodato d’uso gratuito dall’Arcivescovo di Monreale Monsignor Michele Pennisi.  Sarà aperto due volte a settimana, martedì e giovedì e potrà contare anche sull’aiuto dei servizi sociali del comune di Monreale.

All’inaugurazione, oltra al sindaco Piero Capizzi, all’Arcivescovo Michele Pennisi, all’assessore Giuseppe Cangemi, erano presenti il colonnello Pierluigi Solazzo, il capitano Paolo Del Giacomo, il segretario generale del Comune Domenica Ficano. Il centro si rivolge alle donne, “ma è aperto a tutti – precisa la Modica -, anche agli uomini, visto il particolare momento che sta attraversando la nostra comunità”. Servirà per dare un aiuto a quelle donne che si trovano in difficoltà, per avere chiarezza sul tipo di problema ed indirizzarle verso una soluzione. Oltre ad un sostegno psicologico, le donne che si rivolgeranno al centro potranno contare su una consulenza legale e socio-assistenziale. Coordinatrice del centro sarà Anna La Corte, Rosaria Messina la responsabile legale, mentre la psicologa Alessandra Palma la responsabile scientifica. I componenti del Centro nel campo psicologico sono: le psicologhe Francesca Gullo, Maria Pupella e Liliana Grispino.

Nel campo socio-assistenziale e nel settore legale sono le assistenti sociali Angela Ganci, Valentina Alotta, Fortunata Farinella e l’avvocato Claudia La Sala “La realizzazione di un punto di riferimento per le donne è a Monreale un evento molto significativo ed importante – ha detto il sindaco Piero Capizzi -. Spesso la donna ha paura di denunciare e cerca un sostegno morale, un aiuto, magari una semplice parola di conforto. Questo centro potrà aiutare molto. Noi, come amministrazione comunale, sosterremo fino in fondo questa iniziativa”. “Noi, come Arma dei Carabinieri – ha aggiunto il colonnello Solazzo – spesso sentiamo l’esigenza di trovare questa rete di protezione sociale. Molte vicende potrebbero risolversi ed esaurirsi all’interno di strutture come queste. Ed a Monreale sono tanti i casi su cui interveniamo senza che poi abbiano una certa rilevanza penale. Bisogna riflettere su un dato: il 70 per cento dei casi di violenza sulle donne si sviluppano per motivi passionali ed è davvero molto difficile farli emergere”.

“Abbiamo spostato il progetto Briciole di Salute presso la Chiesa degli Agonizzanti – conclude il Vescovo – perché riteniamo che questa iniziativa sia davvero molto importante per tutta la comunità monrealese. Questo può diventare un luogo d’ascolto, dove manifestare i primi segni di violenza e cercare, con il supporto di valide professioniste, la strada migliore per risolvere il problema”. (FOTO DI VINCENZO GANCI)

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it