Castrense Ganci nominato sovraordinato a Polizzi Generosa

Redazione

Cronaca

Castrense Ganci nominato sovraordinato a Polizzi Generosa
Il capitano della polizia municipale di Monreale si occuperà di vigilanza e sicurezza nel comune madonita. Ganci: "Opportunità incredibile"

Castrense Ganci nominato sovraordinato a Polizzi Generosa

19 Ottobre 2013 - 12:00

Da ieri Castrense Ganci, capitano della polizia municipale di Monreale, è il sovraordinato presso la commissione straordinaria del Comune di Polizzi Generosa, per l’area di vigilanza e sicurezza.

L’incarico gli è stato conferito dal Prefetto di Palermo su segnalazione della Commissione in carica dal marzo 2013. Dopo l’eccellente giudizio espresso dalla commissione prefettizia di Castrofilippo (AG) per il servizio svolto in 22 mesi dall’agosto 2011 al giugno 2013, il ministero degli Interni, per tramite della Prefettura, ha inteso rinnovare la fiducia a Ganci per la professionalità acclamata, ma anche per la disponibilità verso la soluzione di problemi che affliggono i cittadini più deboli, attraverso l’ascolto degli stessi.

L’impegno che mostra Ganci verso la popolazione giovanile e studentesca, poi, fa sì che l’istituzione comune faccia breccia anche nelle famiglie più ostiche verso il rispetto delle regole. Il capitano Ganci non è nuovo ad incarichi fuori dal suo comune perché è stato Comandante nei comuni di San Cipirello e Pantelleria e consulente a Pantelleria, Alimena e Partinico. Ha ricevuto riconoscimenti nazionali ed internazionali a New York, Jesolo e Bergamo.

Ha rappresentato la Polizia Locale italiana in missione in Egitto a Il Cairo, e nel febbraio 2011 è stato eletto al XXX° congresso nazionale dell’Anvu, vice presidente nazionale dell’Associazione professionale della polizia locale d’Italia. Ganci è stato decorato con una medaglia d’oro per aver sventato una rapina. “Desidero ringraziare l’amministrazione comunale monrealese – ha detto Ganci – per avermi dato questa importante opportunità di crescita professionale”.

Lo scopo non è soltanto quello di restituire la natura ai bambini, ma soprattutto quello di insegnare loro uno stile di vita all’aria aperta troppo spesso dimenticato nella frenetica quotidianità moderna, utilizzando nei periodi in cui non vi è impegno scolastico, spazi aperti per iniziative ricreative e nello spesso tempo di apprendimento.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it