Borsellino, 21 anni dopo. Palermo ricorda

Redazione

Palermo

Borsellino, 21 anni dopo. Palermo ricorda
Il 19 luglio 1992 veniva ucciso dalla mafia in via D´Amelio il giudice Paolo e 5 agenti della scorta. Ecco il programma delle manifestazioni di oggi

19 Luglio 2013 - 10:00

Ci sono giorni che non possono essere dimenticati. Dai siciliani, ma non solo. Giorni tristi, che ogni anno, riportano alla memoria il dramma di quei due pomeriggi: il 23 maggio 1992 ed il 19 luglio dello stesso anno. Le date in cui persero la vita i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Oggi è il giorno di Paolo. Ma non c’è nulla da festeggiare. C’è solo rabbia. Per una morte che, forse, si poteva evitare. Borsellino venne ucciso dalla mafia 21 anni fa in un attentato in via D’Amelio. Borsellino sapeva di avere le ore contate. E lo aveva detto: “Sono un morto che cammina”. Insieme a lui persero la vita gli agenti della scorta, che quasi mai nessuno ricorda: Emanuela Loi (prima donna della Polizia di Stato caduta in servizio), Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico sopravvissuto fu Antonino Vullo, scampato perché al momento della deflagrazione stava parcheggiando uno dei veicoli della scorta.

Sulla strage di via D’Amelio sono tante le domande che non hanno mai ottenuto risposta: soprattutto quella di che fine abbia fatto l’agenda rossa del Giudice che conterrebbe particolari inquietanti sulla presunta trattativa Stato-Mafia di cui il Giudice era evenuto a conoscenza. Al momento tutto è avvolto nel mistero.

Oggi Palermo ricorda. Lo fa con una serie di iniziative.

Ecco il programma completo (Fonte Palermo Today)

Oggi in via Mariano D’Amelio

dalle ore 8 – Via D’Amelio. Si alterneranno diversi presidi con associazioni, magistrati e giornalisti fino alla tradizionale fiaccolata;
ore 9/13 – Laboratorio ZEN Insieme: Animazione per bambini e percorsi di legalità;
ore 15.30 – Interventi magistrati: Giovanni Conzo, Antonino Di Matteo, Domenico Gozzo, Gabriella Nuzzi e Piergiorgio Morosini;
ore 16.58 – Minuto di silenzio / Inno di Mameli;
ore 17.00 – Marilena Monti recita “Giudice Paolo”;
ore 17.10 – Interventi magistrati: Catello Maresca, Roberto Tartaglia, Sebastiano Ardita, Roberto Scarpinato e Leonardo Guarnotta;
ore 18.30 – Consegna “targhe” Agende Rosse;
ore 19.30 – Partenza “biciclettata” con Palermo Ciclabile;
ore 19.45 – Orchestra sinfonica infantile “Falcone e Borsellino”;
ore 20.30 – Contributi artistici di Sabina Guzzanti e Vauro;
ore 21.30 – Arrivo fiaccolata Forum XIX Luglio;
ore 22.00 – Marco Travaglio;
ore 23.30 – Contributi artistici di Antonio Grosso e Moni Ovadia;

sabato 20 luglio
ore 9 – Salita Castello Utveggio (partenza da Via Mariano d’Amelio);
ore 17 – Partita calcetto Magistrati vs Agende Rosse (Istituto Gonzaga, Via Piersanti Mattarella 38);
ore 20.30 – Ritorno a Via Vetriera, la via di Paolo;

La manifestazione è stata organizzata da Movimento delle Agende Rosse, IlFattoQuotidiano e Antimafia2000. Fra le associazioni aderenti ci sono: Laboratorio ZEN Insieme, Cittadinanza per la Magistratura, Resistenza Antimafia, Comitato Ventitre Maggio, Associazione Nazionale Familiari Vittime della Mafia, AddioPizzo, Libera, Centro Studi Paolo Giaccone, Palermo Ciclabile, Muovi Palermo, Rete 100 Passi, Fuori dal Coro, ANPI, Liberi Professionisti, OsserMafia Italia, Ruota Libera, Telejato, Libero Futuro, Centro studi Paolo Borsellino, Associazione Nazionale Amici Attilio Manca , Associazione A Testa Alta Bagheria, Articolo54, Abattoir.it, Rete Universitaria Mediterranea, ContrariaMente.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it