Caso di omonimia, scarcerato Onofrio Buzzetta di Pioppo

Redazione

Cronaca

Caso di omonimia, scarcerato Onofrio Buzzetta di Pioppo
Era stato arrestato nell´operazione Mandamento con l´accusa di aver fatto parte della famiglia mafiosa di Monreale. I suoi avvocati hanno sostenuto la tesi del nome uguale ad un´altra persona

Caso di omonimia, scarcerato Onofrio Buzzetta di Pioppo

26 Aprile 2013 - 10:00

Si tratterebbe di un caso di omonimia. Per questo il tribunale del riesame ha scarcerato Onofrio Buzzetta, finito in carcere nell’operazione Mandamento, con l’accusa di avere fatto parte della famiglia mafiosa di Monreale controllando la zona di Pioppo.

Buzzetta, che 48 anni, secondo la ricostruzione degli investigatori, per conto Giuseppe Libranti Lucido, anch’egli finito in cella, avrebbe eseguito i sopralluoghi nei cantieri edili per ottenere dai titolari opere in sub-appalto ed assunzioni. Accuse respinte dai difensori di Buzzetta, gli avvocati Fabio Bognanni e Francesco Macchiarella. Non ci sarebbero elementi indiziari sufficienti per dimostrare l’appartenenza del Buzzetta a Cosa nostra.

In particolare, nonostante il suo nome fosse citato in un’intercettazione telefonica, tra gli indagati Giuseppe Lombardo e Francesco Vassallo, e indicato  come “mafioso del Pioppo” i legali hanno sostenuto che non si può escludere un caso di omonimia. Il presidente del Riesame, Giacomo Montalbano, ha accolto le loro tesi.

Altre notizie su monrealepress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta

Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013

Direttore Responsabile Giorgio Vaiana
redazione@monrealepress.it