Dal tuo Comune Monreale Palermo Alcamo Altofonte Bagheria Balestrate Belmonte Mezzagno Borgetto Camporeale Carini Casteldaccia Castellammare Castelluzzo Cefalù Cinisi Corleone Partinico Piana degli Albanesi San Cipirello San Giuseppe Jato San Vito Lo Capo Santa Cristina Gela Termini Imerese Terrasini Trabia
Facebook Page Twitter YouTube Rss

Home Cronaca Politica Sport Eventi Palermo Regione Italia Mondo Brevi

Il Giardino degli Aranci
 

25/03/2013 

Italia

Scoperta molecola antitumorale

Scoperta molecola antitumorale Stampa

Il Maltolo fa “suicidare” le cellule malate


Due studiosi dell’Università di Urbino ‘Carlo Bo’ hanno individuato una funzione antitumorale nel maltolo: questa sostanza, abbastanza comune, aiuterebbe l’organismo a costruire classi di molecole che spingono al ‘suicidio’ le cellule malate. La scoperta ha già ottenuto il brevetto nazionale, ed è in attesa di quello internazionale. Si tratta di uno straordinario passo avanti nella ricerca di nuove strategie terapeutiche contro il cancro. Questo lavoro è il frutto di un approfondito studio multidisciplinare che ha interessato il dipartimento di biochimica, guidato dal dott. Mirco Fanelli e lo staff del prof. Vieri Fusi, docente di Chimica presso l’ateneo di Urbino. Il maltolo è una molecola innocua, contenuta nel malto, nella cicoria, nel cocco, nel caffé e in molti altri prodotti. Utilizzata spesso come additivo alimentare per il suo aroma e le sue proprietà antiossidanti, ma – se opportunamente modificata – può dare origine a nuove molecole con interessanti proprietà biologiche. Sta proprio qui il nocciolo della scoperta: due molecole rappresentative di questa classe di composti sono state al momento sintetizzate e caratterizzate nella loro capacità d’indurre alterazioni della cromatina e, quindi, di condurre le cellule a rispondere in termini biologici. Questa classe di composti è caratterizzata da interessanti proprietà chimico/fisiche che li rende capaci sia di raggiungere l’interno della cellula che di esplicare le loro funzioni nel nucleo, dove risiede il nostro genoma (e dunque la cromatina).

I due studiosi di Urbino con le loro equipe hanno potuto osservare come alcuni modelli neoplastici (colture cellulari in vitro) fossero sensibili ai trattamenti con le due molecole (denominate malten e maltonis): le cellule, in risposta ai trattamenti, alterano dapprima la loro capacità di replicare e, successivamente, inducono un importante processo biologico che le conduce ad un vero e proprio suicidio (denominato morte cellulare programmata).  Oltre che sul piano brevettuale, gli studi sino ad ora condotti, hanno avuto un buon successo scientifico e sono stati pubblicati su riviste internazionali (British Journal of Cancer; Journal of Organic Chemistry), fornendo il presupposto per proseguire gli studi su modelli tumorali in vivo.

La Redazione

© Riproduzione riservata

Tags: Cancro - Tumore - Urbino - Maltolo - Università - Ricerca

Torna Indietro
Spazio Vitale COMMENTI































Testata Giornalistica Registrata - Autorizzazione del Tribunale di Palermo N. 621/2013
Direttore Responsabile Giorgio Vaiana - Condirettore Responsabile Michele Ferraro

Versione Mobile - Disclaimer - Pubblicità - Privacy - Scriveteci
© 2014 - Migi Press Snc - Powered by Fp-Web di Fabio Pellerito